Aglio coltivazione e ricetta

La coltivazione dell'aglio non presenta particolari difficoltà, si pianta in file a fine novembre- dicembre se di colore rosa, in gennaio febbraio se bianco, si interrano i singoli spicchi alla distanza di 10-15 cm uno dall'altro, il terreno deve essere finemente lavorato, si innaffia con molta parsimonia e solo quando il terreno si presenta asciutto.
La raccolta si effettua a inizio- metà estate a secondo le razze, quando le foglie si presentano secche, meglio facilitare l'uscita con un forcone per non danneggiare la pianta.
Si fa seccare al sole e si conserva poi, in un luogo fresco e aerato.

L'aglio è sempre stato coltivato nei paesi del bacino del mediterraneo, fin dai tempi più antichi, lo usavano greci e romani.
Con il suo aroma inconfondibile, non sempre gradito a tutti, l'aglio è fondamentale per le cucina italiana, francese, greca e spagnola.
Usato con discrezione, l'aglio rende più appetitosi moltissimi piatti...gli usi sono infiniti.
La ricetta che segue è:


Zuppa francese all'aglio

per 4-5 persone
Ingredienti:

7 spicchi d'aglio
sale
pepe
4-5 grandi fette di pane raffermo
olio
1 rametto di timo
1 foglia d'alloro
2 tuorli d'uovo
1 ciuffetto di salvia

cottura 15 minuti

Pelare 6 spicchi e schiacciarli con la lama di un grosso coltello tenuta di piatto.
Portare a bollore 1l d'acqua quindi unire sale, pepe e gli spicchi, coprire e cuocere a fuoco dolce per 5 minuti.
Con lo spicchio rimasto strofinare le fette di pane e disporle in piatti fondi individuali, bagnatele con poco olio.
Togliete la pentola dal fuoco e aggiungete il timo, la salvia e l'alloro, coprite e lasciate riposare 3 minuti.
Filtrate or il liquido in un'altra pentola, sbattete i tuorli con tre cucchiai del liquido e  mescolando versateli nella pentola, fate addensare su fiamma dolce senza bollire.
Con un mestolo versate la zuppa sul pane e servite.