domenica 5 febbraio 2017

Febbraio

Quelli scorsi sono stati giorni intensi, con mia madre ricoverata in ospedale. Ha subito un'operazione seria ma adesso sta benino e piano piano si sta rimettendo. Quanta ansia in quei momenti.... e quanta sofferenza intorno... La prima sera in cui aspettavo di entrare nella terapia intensiva, mi sono ritrovata a scambiare frasi di incoraggiamento con persone che non avevo mai visto prima e ho capito che in determinati momenti le distanze si accorciano e cadono quei muri che normalmente costruiamo intorno a noi...

L'ospedale non è vicino ed io passo quindi un po' di tempo in automobile. Ora che lei sta sta un pochino meglio, faccio il viaggio più serenamente. Quando posso mi faccio accompagnare da una delle mie figlie. Confesso: ho un senso dell'orientamento pari a 0 e spesso finisco per sbagliare strada, anche con il navigatore! Anche quando conosco la strada! Con il buio poi non ne parliamo...

Proprio durante questi viaggi però ho fatto una piacevolissima scoperta: gli audio libri. Praticamente la fiabe sonore per gli adulti! Un bel libro narrato con passione da un attore:)  Per il viaggio di domani Edgar Allan Poe, anche se per ora, in testa alle mie classifiche, ci sono tre racconti di Giovanni Verga che non rileggevo dai tempi della scuola.

Nel frattempo è arrivata la pioggia, ne avevamo così bisogno! Ieri ne ho approfittato per spargere un po' di stallatico in giardino. Non sapevo se ne avrei avuto il tempo nei prossimi giorni e l'idea era anche quella di far fare alla pioggia un po' del lavoro di livellamento e mescolatura. Mantello impermeabile azzurro e stivali di gomma ho cominciato ad aprire i sacchi e a spargere stallatico ai piedi delle piante. La pioggia però era battente e dopo venti minuti avevo terra fin sui capelli... chi mi ha visto avrà sicuramente pensato che sono impazzita! Io però sono contenta del lavoro, tra le aiole lo stallatico si è ben amalgamato alla terra e forma delle belle chiazze scure. Proprio l'altro giorno, uscita distrattamente in giardino per cercare qualcosa, ero stata colpita da un ramo della vite, venuto giù quasi apposta a ricordarmi che era tempo di ricominciare a prendermi cura delle mie piante!
Sto aspettando che arrivino i nuovi semi che ho ordinato via internet e non vedo l'ora di avere tra le mani le buste nuove nuove che contengono i fiori e frutti che verranno.

Penso alla primavera, a quando lei starà sicuramente bene.
Speriamo che tutto vada per il meglio...

Buon febbraio

lolle