lunedì 17 aprile 2017

Pasquetta nell'orto

La Pasqua l'ho passata in famiglia, come al solito. Mia madre, nonostante l'operazione, non ha ceduto le armi e ha voluto festeggiare a casa sua come ogni anno. Ci siamo divisi un po' i lavori per non gravare su di lei, anche se non siamo proprio in tanti come a Natale, perché si sa, Natale coi tuoi e Pasqua con chi vuoi. Questa Pasqua mi ha ricordato quanto il tempo passi velocemente. Pare trascorso un attimo da quando le feste le passavamo dai nonni ed io e le mie sorelle avevamo l'età delle nostre figlie... e quei posti vuoti che mettono un po' di malinconia...
La Pasqua è tra le mie feste preferite,  il mistero della morte e della rinascita che si rinnova ogni anno.
Mi piace che ci sia il sole a celebrare la resurrezione: la vittoria della luce sulle tenebre.

Non mi sono mossa da casa nemmeno per Pasquetta. Ho passato tutto il pomeriggio nell'orto: i primi trapianti, la pulizia dei vasi, le infestanti, un sostegno da riparare... A ben guardare il giardino è un collegamento concreto con la vita e con la morte, c'è in tutto quello che vi accade un insegnamento talmente profondo, l'accettazione dei cicli della vita... curare un orto o un giardino è un esercizio di meditazione. Forse domani sarò piena di dolori, o forse mi sarò presa il raffreddore o l'influenza che non ho fatto quest'inverno... quando è calato il sole tirava un'aria per nulla calda ma io volevo finire (che poi non si finisce mai!) annaffiavo a piedi nudi e sono rientrata in casa infreddolita...non importa! Una cena leggera, con le verdure dell'orto, una sistemata alla cucina ed eccomi qui a buttar giù due righe... e domani ricomincia la settimana...

Cicoria da taglio

Fragole... tantissime!

Lattuga da taglio



Agretti

Rapanelli 

Cicoria

Sono sicuramente ancora in tempo: Buona Pasqua!

lolle




15 commenti:

  1. Lolle, il tuo orto è proprio uno spettacolo per gli occhi e (per voi fortunati) anche per la bocca, sicuramente deliziosi i "regali" delle vostre piante che curi con amore, dedizione e anche un pizzico di riflessione profonda. Hai proprio ragione, tenere un orto o un giardino implica anche di meditare sul tempo che passa, sulle incertezze e le alterne vicende della vita, sulla morte e sul rinnovarsi della vita ad ogni stagione. Ti abbraccio e ti lascio gli auguri di... buona settimana, visto che Pasqua e Pasquetta sono già passate!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Silvia, dici davvero bene, anch'io considero regali i raccolti del nostro piccolo orto e mi stupisco e meraviglio ogni volta!
      Buona settimana a te

      Elimina
  2. ...che amore!!! Io mi sono innamorata del tuo amore di orto!!!Ordinato, ogni piccolo spazio occupato e coltivato con amore ...Quante volte ho scritto la parola "amore " perché c'è si vede ce n'è tanto....Il mio è strutturato in modo diverso...quello tuo per me è quello dei sogni. In quello mio tutte le piantine delle verdure estive sono state trapiantate, ora è i quella fase che mi piace tanto..è ordinato e le piantine hanno superato lo shock del trapianto e si vede in quel verde tenero al centro. Forse, almeno per me, è l'età, anche io in ogni cosa avverto e vedo il ciclo della vita...Mi fa piacere sapere che la tua mamma è forte ...bella la tua Pasqua e pasquetta ...molto simile alla mia. Anche io voglio raccontare un po' della mia ma...Auguri di Pasqua!!! Una mia amica diceva questa mattina, che lei ancora per questa settimana continua a fare gli auguri di Pasqua...in effetti la Risurrezione, il Risorto c'è sempre...Ancora Buona Pasqua!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Auguri a te!! Grazie... il mio orto è cosa da poco, ma con gli occhi dell'amore mi sembra grande! Uso anch'io la parola amore, perché son convinta come te che le cose fatte con amore hanno un valore aggiunto... Aspetto il tuo prossimo post, per sentire della tua Pasqua e del tuo orto, a presto!

      Elimina
  3. Anche per me Pasqua casalinga e pure Pasquetta perché, per non lasciar solo nessuno, un giorno si festeggia di qui e giorno di là ... io,come a Natale, me ne sto in cucina, così, trafficando e riordinando, cerco di tenere lontane le malinconie che si affacciano in particolare in questo periodo che porta con sé ricordi dolcissimi e altri molto più dolorosi

    RispondiElimina
  4. Il tuo "giardino" è la cucina... così, trafficando, lasciamo andare le malinconie...

    RispondiElimina
  5. Meravigliose foto dal tuo giardino che bella questa stagione dove tutto rinasce...anche se un po di freddo è tornato...ma per ora senza danni!!Nell'orto si respira la pace!!Un bacione e buona settimana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, aria di pace, è il mio angolo relax! Ciao:)

      Elimina
  6. Che meraviglia LOlle... sei proprio fortunata ad avere il tuo angolino verde!!!

    RispondiElimina
  7. Che spettacolo!!!!!!!!! Tutto perfetto, tutto meravigliosamente genuino e tutto trattato con tanto amore.... complimenti carissima, sei fantastica!!!! Un abbraccio
    Emi

    RispondiElimina
  8. La tua mamma è super, ha fatto bene bisogna sempre far di tutto per coltivare le piccole tradizioni di famiglia ;)
    L'orto...beh!!! che dire!!! posso venire a mangiare le fragole? hai le mano d'oro , complimenti. un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, è una roccia!! Grazie... per le fragole: volentieri!!

      Elimina
  9. Che bello leggere le tue parole, ricordando le feste e le tradizioni. Il tempo vola e porta anche a volte malinconia. Comunque, Il tuo orto e un gioiello da vedere ed e veramente bellissimo. Tanto verde e ordine, verdure e frutti... vorrei stare li a godere quel atmosfera meravigliosa... Un bacio!

    RispondiElimina