martedì 10 gennaio 2017

Letture d'inverno

Riposti albero e presepe, passata anche l'ultima festa, si ritorna alla solita vita con un anno in più sulle spalle.
Le giornate nebbiose e buie sembrano così lontane, per giorni e giorni abbiamo avuto un cielo terso e luminoso, vento e notti stellate. Non amo, come molti, le giornate di pioggia, ma non piove da così tanto... in questo periodo sono costretta a bagnare i vasi delle piante all'esterno, che normalmente non tocco quasi fino a primavera, perché la terra è secca e dura: questo inverno così asciutto, credo creerà parecchi problemi.

Le belle giornate sono una tentazione, vien quasi voglia di mettersi a trafficare in giardino, ma appena messo il naso fuori mi rendo conto delle temperature polari! E' che ho voglia di stare all'aperto, mi manca la quiete del mio orto e del giardino, la serenità che mi dà prendermi cura delle mie piante, ne ho tanto bisogno in questo periodo...

Mi metto a leggere alla finestra e sposto le tende. Le poche foglie sugli alberi si muovono al vento. sui tetti ci sono le "mie" tortore, quelle cioè che ogni giorno vengono a mangiare a casa nostra. Appoggio i piedi sul calorifero caldo, Smilla è accucciata vicino a me. Nell'angolo della cucina dove prima c'era una vecchia e grande cassapanca ho sistemato una delle piante del salotto, un giovane ficus dalla forma armoniosa. Tempo fa, ho letto un libro sul riordino che parla del Feng shui, spiegava l'importanza dello spazio libero che deve essere sufficiente per permettere all'energia di circolare liberamente, senza che questa si blocchi in luoghi troppo pieni di mobili e di cose. E' vero, mi sembra di starci meglio adesso in questa cucina... ad avere più spazio, di vasi sparsi qua e là ne ho davvero tanti, sarebbe bello poter creare un piccolo giardino d'inverno, anche solo un angolo, invece sono costretta a sistemare le piante che svernano in casa nei posti più disparati!

Sono due le stagioni in cui riesco a dedicare più tempo alla lettura, una è l'estate ed una appunto l'inverno. Durante le stagioni di mezzo c'è troppo da fare e l'orto e il giardino pretendono molta della mia attenzione e del mio tempo libero, così il tempo da dedicare alla lettura si riduce. 
Ho appena terminato di leggere "La virtù dell'orto" di Pia Pera, una versione riveduta e aggiornata di un suo libro: Giardino e orto terapia, uscito nel 2010. Dalle pagine di questo libro:"Negli oggetti, indifferenti alle stagioni, il mutamento si esprime solo come usura, deterioramento, mai come metamorfosi. Confinati tra materiali artificiali, chissà quale ansia di morte ci prenderebbe! Perché nulla avremmo vicino capace di suggerire che nulla muore, tutto si trasforma." Verissimo.
Ho scoperto che questa autrice che amo molto è venuta a mancare questa estate. Pia Pera era molto malata e nel suo ultimo libro "Al giardino ancora non l'ho detto", racconta della malattia, quasi un testamento, un diario bello, struggente e soprattutto sincero. La scrittrice prende congedo dal suo giardino, si interroga su cosa ne sarà e prende allo stesso tempo congedo dalla vita, un libro che, come tutti i suoi libri, vale la pena di leggere anche se non si è appassionati di orto e di giardino. Il titolo è tratto da una poesia di Emily Dickinson: I haven't told my garden yet...



E' un post  senza immagini, un po' così, senza colore come mi sento io, sarà che ultimamente mi sembra che ci siano solo problemi da risolvere, cose da sistemare, preoccupazioni... sono anch'io cupa e grigia come lo è il cielo di oggi.... passerà....
...mi sa che se si alzano appena un poco le temperature arriva la neve...

A presto

lolle


40 commenti:

  1. due fiocchi, solo una spolveratina di neve oggi pomeriggio, ma sufficiente per attenuare un poco il grigiore che - a dispetto della luminosità delle giornate - pervade anche me.
    La neve mi porta un pizzico di follia, una minuscola dose di libertà infantile: ogni tanto devo imparare ad accontentarmi di cose piccolissime.....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Claudette, speriamo che questo grigiore venga presto spazzato via... magari proprio da una bella nevicata!

      Elimina
  2. Qui da noi il mare blu è percosso dalle raffiche di bora. Freddo intenso.
    Ho letto un estratto del libro di cui parli in questo post, mi hai fatto venire voglia di leggerlo.
    Gennaio è spesso incolore, dopo lo sfavillio e le aspettative di Dicembre.. preludio al risveglio.
    :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tanto freddo anche qui... leggilo, ti piacerà sicuramente.
      Nell'attesa della primavera, buon gennaio

      Elimina
  3. Da me il tempo è stato bruttissimo, neve e sopratutto gelo e questo infonde un senso infinito delle cose dormienti della natura.
    Ho letto anch'io dello spazio da lasciare libero in cui le idee e la creatività trovano il loro divenire.
    Bellissime le tue letture, ho letto degli articoli di Pia Pera sulla natura molto belli...
    Un abbraccio
    Anna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' bella vero, questa idea dell'energia che deve poter scorrere liberamente... Grazie Anna, a presto..

      Elimina
  4. Amica mia.. arrivo a leggere queste tue parole e il tuo stato d'animo lo faccio un po' mio. Mi sento esattamente così.. come quei campi brulli e incolti abbracciati dalla nebbia. Muti, silenziosi, pensosi. Un po' malinconici e che attendono la primavera. Non so.. spero arrivi presto perchè anche io, con questo gelo, ho voglia di tepore e di colori. Io spero solo che ti arrivi il mio abbraccio solidale e ti riempia di affetto, quello che conservo sempre vivo per te. Ti voglio bene. Le tue letture sono sempre affascinanti.. Sia un anno pieno di germogli che sotto il sole sbocceranno per regalarti ciò che più meriti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Ely, che piacere rileggerti... ricambio il tuo abbraccio con affetto! Buon gennaio... arriverà anche la primavera...

      Elimina
    2. La aspettiamo amica mia. La aspettiamo insieme. Ti sono vicina.. questo grigio prima o poi ci lascerà.. <3 TVB

      Elimina
  5. ...oggi guardo dalla finestra e vedo un paesaggio lunare , un grigiore dappertutto...giardino e orto devastati dalle forti gelate dei giorni passati le piante reclinate e di un verde scuro....forse pioverà o nevicherà sulle colline ....Avverto nel tuo scritto una malinconia e mi piace quella tua frenesia per il tuo mondo dove sei davvero una fata ...che come smuove, aggiusta...tocca... tutto diventa magico.Intanto leggi e guardi dalla finestra ...anche io sto leggendo un (regali di Natale)...Già un 'altra blogger che seguo ha parlato d ella autrice Pia Pera ...cercherò nella libreria ....Guardo ancora dalla finestra e vedo un paesaggio come l'immagine di apertura del tuo blog che se me la salva , la salvo nel mio Pinterest ...Torniamo alla malinconia ....io penso che quella più o meno ce l'anno tutte le mamme del mondo....perché sempre proprio tutto non va come si sogna ....Ti auguro buona giornata e tante belle cose....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, quella malinconia che a volte ci prende e forse non sappiamo nemmeno perché... il giardino infatti è il mio rifugio.. Anche tu anche se lontana vedi il mio stesso paesaggio, il mondo in fondo è piccolo! Grazie Franca Rita, buona domenica

      Elimina
  6. ...scusa "ce l'hanno " con l'H ...sarebbe bene che rileggessi ...Di nuovo tante belle cose....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sapessi nella fretta cosa combino io... anche al cellulare!

      Elimina
  7. ...scusa "ce l'hanno " con l'H ...sarebbe bene che rileggessi ...Di nuovo tante belle cose....

    RispondiElimina
  8. ...scusa "ce l'hanno " con l'H ...sarebbe bene che rileggessi ...Di nuovo tante belle cose....

    RispondiElimina
  9. Se guardo fuori adesso vedo del nevischio sopra i tetti..peccato che sta piovendo, avrei voluto godermi anche solo per un po' di quello spettacolo che si crea tutto intorno quando la neve scende adagio e ti regala quella luce, quel rumore ovattato. Mi ricorda quando ero bambina e stavo alla finestra incantata a sognare:)) A presto Nicoletta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, il momento in cui cadono i primi fiocchi di neve, grandi e asciutti è impagabile... l'aspettavamo anche qui ma non è arrivata, ancora...
      Grazie, a presto

      Elimina
  10. Lolle, So che l'inverno e a volte un periodo difficile... passera, e poi ci godiamo primavera...che bello! Ti auguro un anno nuovo di tanto bene e felicità ... Un abbraccio...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, sarà sicuramente così... buon anno nuovo anche a te, a presto!

      Elimina
    2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
  11. Cara Lolle, questo tuo post senza foto è però altrettanto luminoso e "appariscente" per me, perchè le tue parole sono così colme di significato che permettono di cogliere questi tuoi giorni d'inverno come fossero un quadro, una vera immagine di quello che vedi e che senti. Sai, non sapevo che Pia Pera fosse scomparsa... ho letto "l'orto di un perdigiorno" e mi era piaciuto moltissimo, mi piacerebbe leggere anche questo libro che suggerisci tu... certo ci vorrebbe tempo e rilassatezza necessaria. Ti abbraccio forte in questo inverno un po' mesto e un po' grigio, in attesa che un raggio di sole (vero o figurato) arrivi anche per te, per farti riscoprire le meraviglie di ogni stagione! Ti abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Silvia. So che sei molto presa con la tua nuova casa e con il lavoro, ma, se ne avrai l'occasione leggilo, è un libro struggente, impossibile rimanere indifferenti... Grazie per la tua visita, un abbraccio grande a te!

      Elimina
  12. Ciao Cara,
    anche noi abbiamo messo via quel che restava delle feste assieme ad un anno ormai concluso.Hai ragione anche da me la terra è secca non ha piovuto per nulla, in compenso a nevicato un po'...più che neve acqua e gelo. Certo, quando le giornate sono soleggiate anch'io ho voglia di mettere il naso fuori solo che poi si gela. In questo periodo, purtroppo, non leggo per mancanza di tempo la mia stagione di lettura è l'estate. devo dirti che mi spiace leggere che ti senti grigia di solito il tuo orto e le tue foto danno vita anche al web, spero che presto i problemi vadano via regalandoti un sorriso. un abbraccione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carissima Audrey, passerà sicuramente... un abbraccio grande a te!

      Elimina
  13. Ciao, ho scoperto il tuo blog e mi piace molto! Anch'io ho letto di recente alcuni libri di Pia: L'orto di un perdigiorno e Al giardino ancora non l'ho detto e mi sono innamorata di questa autrice, purtroppo prematuramente scomparsa. Ne ho scritto nel mio blog. Mi sono iscritta, ti seguirò. Un saluto.
    Giorgia

    RispondiElimina
  14. Lolle mia hai preso in peno le previsioni de tempo ..e la neve fu...
    Ormai non guardo da tempo quello che è stato un bel giardino. Ci pensano gli altri, troppi ricordi e malinconie.
    Pensare che mi piaceva tanto curarlo.
    Il freddo non mi è amico, La mia salute ne risente parecchio ma il tempo con il lavoro passa veloce.
    Leggerò uno dei libri che mi hai consigliato. Chi ama la natura è uno spirito gentile. Infatti eccoti qui amica mia.
    Un bacio serale!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Nella, spero che un giorno tu possa tornare a provare il piacere di prenderti cura del tuo giardino... un abbraccio

      Elimina
  15. Ciao anche io non sto passando un periodo facile fuori nell orto e giardino poco da fare e in questi giorni di vento fortissimo e gelo ci saranno solo danni...ma la natura ci da sempre la fforza di vedere prima o poi positivo...un bacione

    RispondiElimina
  16. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  17. Su con la vita Lolle! Presto tornerà la primavera e il tuo bellissimo orto rifiorirà! Bacioni

    RispondiElimina
  18. Ben ritrovata in questo nuovo anno cara Lolle... inizia il conto alla rovescia, la primavera arriverà!!!!

    RispondiElimina
  19. Carissima Lolle, finalmente riesco a passare per salutarti, per farti gli auguri che non ho fatto prima delle feste e per leggere questo tuo bellissimo post al mio bambino, che miracolosamente comincia a stare qualche minuto (non troppi) tranquillo nel box. Questa volta non hai messo fotografie, ma hai evocato immagini che mi sembra di vivere al tuo fianco. Certo per noi un inverno così è una vera grazia, credo di aver mancato la passeggiata con Davide solo un paio di volte per via del vento, ma ogni giorno maciniamo tanta strada che le gomme del passeggino si sono consumate (scopro solo ora che le gomme di un passeggino si consumano come le ruote di un'auto).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io immagino te e il piccolo Davide a spasso, imbacuccati ma felici!

      Elimina
  20. Cara Lolle,
    è stato così piacevole e distensivo leggere questo tuo post.
    Hai citato libri e autrici che adoro! I libri di Pia Piera non li ho ancora letti per intero, ma solo citazioni.....tutte incantevoli. E poi hai citato, giustamente, Emily Dickinson... che dire, leggo le sue poesie quasi ogni giorno!
    A proposito del Feng shui, e più in generale "del fare spazio" è proprio un toccasana eliminare cose inutili o multiple, disporre (per quanto possibile) l'arredamento in altre posizioni che siano più benefiche per il nostro equilibrio psico-fisico; fare spazio nell'armadio e nei cassetti è una sensazione davvero benefica che periodicamente cerco di fare. Sarebbe bello arrivare ad avere qualche anta o qualche cassetto completamente vuoto! Non sarebbe una meraviglia!? =)
    Un caro abbraccio, a presto.

    Ps. ti ho risposto da me.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero! Mi sono imposta anch'io un controllo periodico di ante e cassetti per evitare l'accumulo!
      .. passo a trovarti così leggo la risposta:)

      Elimina
  21. correggo errore di digitazione, Pia Pera.
    Ci tengo.

    RispondiElimina