giovedì 30 giugno 2016

Estate


Oggi ho passato la mia mattinata libera nell'orto, tanto era il lavoro trascurato che ho dovuto quasi farmi largo tra le erbacce con il machete! Ho tolto il più, quello che soffocava i fagiolini, il resto l'ho lasciato perché vedo che la terra nuda si asciuga più in fretta. Nei vasi, come pacciamatura, ho sistemato gli sfalci d'erba.  
In un vaso è cresciuto un bellissimo girasole, probabilmente dai semi con cui sfamo gli uccellini d'inverno. I pomodori si vanno ingrossando e colorando, lego qualche ramo, tolgo, sistemo, raccolgo cetrioli, zucchine e sedano. 
Di pomeriggio nell'orto e nel giardino a prima vista tutto sembra immobile, ma tra la melissa in fiore e la lavanda è un ronzare continuo. 
I rovi formano un cespuglio disordinato ma ricco di frutti, sono finiti i ribes ed ho raccolto qualche lampone, quest'anno pochi per la verità. I fiori delle cucurbitacee (zucche, zucchini e cetrioli) formano delle belle macchie di colore giallo come il sole dell'estate.
Orto e giardino ora danno il meglio il mattino presto e la sera all'imbrunire..

E siccome il dovere mi chiama, vi lascio passeggiare tranquillamente tra i colori del piccolo orto...

Buona estate!

 







lolle

mercoledì 15 giugno 2016

Fiori di Bach ed altri rimedi per l'orto e il giardino

Ascolto il vento inquieto che preannuncia un nuovo temporale e intanto in lontananza il cielo si illumina all'improvviso. 
E' tutto un osservare il cielo, cercare di rubare al maltempo qualche pomeriggio di sole per stendere all'aperto, per raccogliere ancora il ribes e magari apparecchiare sotto la pergola. 
Poi, dopo l'ennesimo temporale, fuori a risistemare, pulire, a raccogliere ciò che è stato spezzato..
Ma non è mai stato così fiorito il mio giardino come quest'anno, pieno di fiori e di verde, è proprio come lo volevo.

Peccato che, come ogni anno in cui la primavera si presenta molto umida, ci siano molto moscerini che stazionano su foglie e frutti. Le lumache poi sono più voraci che mai; delle piccole insalate  trapiantate non sono rimasti che due cespi soltanto. 
Però ho notato più di una volta che le piante dell'orto acquistate sono molto meno robuste di quelle che cresco io da seme. Forse troppe forzature. Capita anche con i fiori.

A "Franciacorta in fiore", bellissima manifestazione che si tiene ogni anno in tarda primavera dedicata al mondo verde, ho, tra le altre cose, acquistato una rosa stupenda. Da questo inverno infatti, sogno di coltivare un rosaio rampicante sul balcone, che a maggio, in contrasto con i fiori bianchi del gelsomino, faccia ricadere i suoi grappoli color vino davanti alla finestra del salotto. Ho acquistato appunto questa rosa, splendidi fiori pieni, dal colore intenso, non una macchia sulle foglie, nemmeno un difetto. Peccato che portata a casa, dopo una settimana o poco più, la pianta abbia cominciato a deperire, i boccioli seccati, tutte le foglie cadute.

Le piante a riposo o in crisi finiscono sotto la siepe o ai piedi dell'acero. E' la mia casa di cura per i fiori. Lì, sotto l'ombra di queste piante generose, se ne hanno la forza, le piante si rigenerano. Tutti dovremmo avere la possibilità di ritemprarci sotto l'ombra gentile degli alberi! 
Ma una mano alla rosa l'ho dovuta dare...
Ho scoperto da poco che, i fiori di Bach (da tempo li utilizzo per le mie figlie), sono utili anche nella cura delle piante. Per aiutare la mia rosa in difficoltà mi è stato consigliato di utilizzare Recovery Remedy, 6 gocce in mezzo litro d'acqua da vaporizzare sulla pianta.
(i fiori di Bach vanno conservati e utilizzati lontano da computer, cellulari etc.)
Da qualche giorno sui rami spogli stanno spuntando timide foglioline. 

Quello dei fiori di Bach è un discorso da approfondire, la prossima volta che torno nella mia erboristeria di fiducia chiedo altre informazioni! Poi ve le passo naturalmente!

Sto utilizzando anche l'Equiseto che in agricoltura biologica viene utilizzato contro le malattie fungine e come antiparassitario in genere. Si può utilizzare sia fresco che essiccato, ma per non sbagliare, l'ho acquistato sempre in erboristeria.  Ho lasciato in infusione 80-100 grammi circa di pianta secca in più o meno tre litri di acqua fredda per una giornata, poi ho messo sul fuoco il tutto e fatto bollire per una ventina di minuti. Ho lasciato raffreddare e poi ho diluito in acqua in proporzione 1:5 irrorando piante e terreno. 
(Per le dosi ho cercato un po' qua e un po' là ma non ho trovato una ricetta unica)

Lo sto sperimentando su pomodori e rose.

Questi rimedi non agiscono solo sugli effetti ma aiutano la pianta a difendersi, rafforzandola.

Da tempo ormai anche noi ci curiamo utilizzando rimedi naturali (non con metodi fai da te ma consigliati e seguiti) e abbiamo molte volte potuto constatare l'efficacia di questi metodi, non rinnegando la medicina ufficiale ma cercando di aprire la nostra mente ad altro.
Certo, ci vuole costanza e pazienza e un po' di fiducia; inoltre è fondamentale curare anche l'aspetto dell'alimentazione, ma i risultati arrivano.

Se avete suggerimenti riguardo alla cura di orto e giardino mi raccomando... condividete!

Vi lascio con qualche immagine del giardino e dell'orto, prima fra tutte la fioritura (finalmente) della mia Hemerocallis "Bela Lugosi" dedicata appunto al celebre attore cinematografico degli anni '30.


Hemerocallis "Bela Lugosi"
Bela Lugosi (Biography.com)



Gazania

Ancora Gazania

La splendida Begonia Pendula (ahimè massacrata dall'ultimo temporale) 

Verbena

La mia collezione di ortensie bianche

Lattuga serie "I sopravvissuti" ( cioè l'ultima che son riuscita a salvare dall'invasione delle lumache!)





Buon mercoledì!

lolle