mercoledì 30 marzo 2016

Primavera

Riapro le porte del mio blog a primavera, mi affaccio piano come quando curiosa cerco i segni della nuova stagione tra le piante spoglie del mio giardino, ma la primavera quest'anno è arrivata presto e il giardino è già in fiore. 
Immagini mai postate, racconti rimasti in sospeso.. eppure tante volte avrei voluto buttare giù due righe ma la stanchezza di questo periodo pesante si fa sentire, inoltre dormo poco e male e il mio corpo mi obbliga al riposo. E oggi mi sono alzata a notte fonda per accompagnare Ary all'aeroporto, torna in Inghilterra dopo le brevi vacanze pasquali. Non ce l'ho fatta a tornare a dormire e mi sono messa a letto a leggere e a pensare. Mi sono resa conto di cominciare, solo ora che le mie figlie sono grandi, a capire veramente fino in fondo cosa significhi essere genitori, si è genitori per sempre e quell'ansia di proteggerli che ci accompagna dal primo istante in cui posiamo gli occhi su di loro, non ci abbandonerà mai.

Quando le mie figlie erano piccolissime ricordo che, mentre dormivano, controllavo spesso il loro respiro, a volte, nei miei deliri di onnipotenza mi convincevo che sarebbe bastata la mia presenza ad allontanare da loro ogni pericolo ma intanto immaginavo tutte le tragedie più orribili che la mia fantasia e gli innumerevoli gialli letti mi suggerivano... ovviamente col tempo e dopo i primi incidenti domestici (grazie al cielo non fatali come la mia fantasia immaginava!) ho capito che non avevo nessun super potere e mi sono messa (un pochino...) l'anima in pace. E siccome erano bambine abbastanza vivaci mi sono dovuta vaccinare agli spaventi. Ora che vanno incontro alla vita ed affrontano il mondo però, un po' di quella apprensione lontana ritorna... 
Credo però che la mia insonnia non dipenda da questo, non so bene da cosa ma probabilmente è solo stanchezza. 
Comunque il pomeriggio di Pasqua, durante la pausa dalla tradizionale riunione di famiglia a casa di mia mamma, (ho sicuramente già raccontato che mia madre cucina per un reggimento) ho coperto con un lenzuolo a roselline gialle il dondolo in giardino ricavandone un'alcova che ho riempito con cuscini, questo per far godere a mia figlia Ale, convalescente dopo una brutta influenza, un po' del tepore del sole. Ci siamo messe a chiacchierare o almeno quello è il mio ultimo ricordo, perché quando ho riaperto gli occhi il tempo era mutato, avevo un cuscino incollato alla guancia e il collo dolorante... il corpo recupera come può il sonno perso!
Stare in giardino mi mette sempre molta serenità e a quanto pare mi concilia il sonno, ora che le giornate sono più lunghe prevedo di passarci un po' più di tempo, non può farmi che bene!

Il mio giardino di fine marzo è coperto di viole, quelle rustiche che crescono spontanee e hanno colonizzato buon parte dello spazio disponibile hanno un delicato color azzurro ceruleo oppure un viola più o meno carico, alcune sono bianche e non ricordo nemmeno d'averle piantate. Mi piacciono perché danno quell'idea di naturale che amo molto, sono aggraziate e delicate ma solo d'aspetto, infatti sono resistenti e in grado di allargarsi in breve tempo a macchia d'olio, inoltre prosperano anche sotto alberi e siepi dove notoriamente cresce ben poco.
Poi è fiorita la Dicentra o cuor di Maria, temevo non sopravvivesse all'inverno ma l'inverno quest'anno non si è visto, i suoi fiori sono piccoli cuori di un rosa appena acceso e attorno a loro giacinti, primule e violette incorniciati dall'edera, mentre dal terreno fanno già capolino i verdi e teneri steli del mughetto. Hosta e ortensie mostrano già il variegato fogliame... ho imparato ad apprezzare questo giardino in ombra e sento di non averne alcun merito, pare infatti che le piante si dispongano da sole con quella grazia che solo la natura sa creare. 

Ho già seminato alcuni degli ortaggi estivi, poca cosa, lo spazio è davvero poco ma non voglio rinunciare a portare in tavola le verdure fresche dell'estate, tenere file d'insalata crescono nell'orticello, e ribes, more, fragole e lamponi si stanno risvegliando.
Ho seminato anche diverse varietà di fiori utilizzando i semi raccolti lo scorso anno.
Anche la vite è piena di gemme gonfie...nonostante l'abbia potata io, alla cieca e senza nessuna nozione, e se non ho combinato troppi danni spero in un po' d'ombra e in qualche bel grappolo d'uva per la schiacciata. 

Infine, mentre facevo la spesa al supermercato mi sono lasciata sedurre da un fico (!) precisamente il Fico Dottato, avevo letto da qualche parte che si può coltivare in vaso (a patto che sia molto capiente) e visto che il prezzo mi è sembrato conveniente ho deciso di tentare l'esperimento. Ho sistemato il vaso contro la parete a sud, riparato dalle correnti e ben soleggiato e già ha messo parecchie foglie e qualche frutticino...staremo a vedere!

Non ho scattato molte fotografie ma qualche immagine da postare c'è... e domani, piano piano torno a farvi visita... 



 






Un saluto, a presto

lolle

24 commenti:

  1. Bentornata Lolle e buona primavera! L'apprensione per i figli? Io credo di essere tra le campionesse, anche se , come giustamente dici tu,non tutto è controllabile da parte nostra... A presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, è un piacere ritrovarvi! Bene... mal comune mezzo gaudio, vuol dire che ci preoccuperemo in compagnia!

      Elimina
  2. Sono deliziosi i fiorellini primaverili, anche nel mio giardino ne nascono di spontanei e li amo ancora di più, perchè hanno deciso da soli di venire ad abitare da me. Ieri sono andata in un bosco, è sempre per me fonte di gioia scoprire nuovi fiori mai visti prima. Che bella quest'esplosione della natura, se tante menti perverse si limitassero ad osservare il sottobosco, forse i loro pensieri neri verrebbero cancellati. Un grande abbraccio
    Emi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, muoio dalla voglia di fare qualche passeggiata nei boschi! E sono d'accordo con te per quanto riguarda il potere della natura di renderci migliori..

      Elimina
  3. dire che sono molto apprensiva è dire poco!!!i miei figli ormai si sono rassegnati...il mio giardino sta iniziando a risvegliarsi e ogni mattina mi riserva una sorpresa...il tuo invece è già bellissimo e pieno di fiori!!!un abbraccio...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Siamo in buona compagnia!! Grazie... lo spettacolo della natura che si risveglia è fantastico!

      Elimina
  4. Tutti bellissimi i tuoi fiori! Poi le viole bianche... Le trovo stupende!
    Da me hanno già terminato la loro fioritura stagionale, ma in compenso la tua dicentra è già in fiore, mentre da me sono da poco sbucate le prime foglie.
    Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! Naturalmente passo a dare un'occhiata ai 25mq!

      Elimina
  5. Amo le violette!!! Io le conosco solo di un colore, quello classico. Sono davvero rare e particolari bianche e violetto più tenue ...Mi piace la tua premura "ho coperto con un lenzuolo a roselline gialle il dondolo in giardino ricavandone un'alcova che ho riempito con cuscini, questo per far godere a mia figlia Ale, convalescente dopo una brutta influenza, un po' del tepore del sole." L'amore della mamma per i suoi figli è il più grande del mondo ...Mi piace questa immagine!!! Un saluto!!!

    RispondiElimina
  6. Grazie Franca Rita...un abbraccio grandissimo!

    RispondiElimina
  7. quando entro in punta di piedi nella tua vita, mi sembra di vivere una favola o di rivedere momenti felici di pochi anni fa. Il sapore della casa, la scoperta dei primi fiori primaverili, l'esame attento dell'orto e degli alberi, il sole ,il profumo..Ora sembra tutto sbiadito, nessuno cura più come una volta il tutto, solo il ragazzo di casa si occupa un po' di tutto , ma io sono quasi indifferente allo svegliarsi della natura. Poi guardo le tue foto e mi rianimo...come è tutto bello perfetto ma soprattutto amato. Le piante sono come le persone ,hanno bisogno di amore!
    bacio notturno

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Nella, sono felice che queste immagini ti regalino un po' di serenità...buonanotte

      Elimina
  8. Ciao Lolle, è bello leggerti di nuovo!! Bellissime le viole! Dalle mie parti sono proprio simbolo di primavera! Anche la Dicentra fiorita!!! Qui manca ancora un po' prima di vederne i fiori :)

    Un saluto!!

    RispondiElimina
  9. Immergersi nel tuo verde e colorato orto-giardino, è come sentire le fragranze e i profumi di un pezzo di primavera...
    Una buona domenica a te e alla tua famiglia.
    Un abbraccio♥
    Anna

    RispondiElimina
  10. Un tripudio di fiori e di colori.... benvenuta primavera! Grazie Lolle, splendide le foto!

    RispondiElimina
  11. Mi tocca molto il racconto di come pensi alle tue figlie ed il modo in cui il giardino ti concilia l'anima è molto simile al mio modo di viverlo. Bellissime come sempre le immagini che ci regali!

    RispondiElimina
  12. Bellissimo Primavera da te lolle! Che bello vedere questo nuovo post dopo un po di tempo …Un abbraccio

    RispondiElimina
  13. con l'arrivo della primavera il tuo orto diventa una meraviglia !!!
    bacioni

    RispondiElimina
  14. ma che bello rileggerti e riaverti tra noi. Le tue viole sono meravigliose!!! Il giardino a primavera è uno spettacolo come i ricordi ;)
    un abbraccione e buona serata

    RispondiElimina