mercoledì 30 gennaio 2013

Aspettando il sole


Ancora qualche giorno così e mi dimenticherò come è fatto il sole. Freddo sì, ma non ai livelli dello scorso anno, le temperature scendono di poco sotto lo zero, ancora una nevicata leggera ad inizio settimana, ma umidità... accidenti quanta, sento il muschio sulle ossa! Se non ne fossi costretta credo che non metterei più il naso fuori casa. Causa imprevisto lavorativo però, oggi sono rimasta a casa. Dalla finestra ho gettato uno sguardo sconsolato al mio orto-giardino : era così desolato... Come dicevo prima però, mi sono ritrovata con la mattinata libera, così mi sono fatta forza e stivali di gomma ai piedi, ho deciso di fare due passi nei campi vicino casa con la mia fedele Smilla.
Mi sono portata la macchina fotografica,  non che l'atmosfera fosse poi molto d'ispirazione, infatti credevo non ne avrei scattata nemmeno una; la nebbia consistente, l'assenza di colori e la monotonia del paesaggio non mi sembravano interessanti. Smilla però mi ha abbandonato subito, attratta irresistibilmente da una enorme montagna di letame, (i gusti sono gusti!)  allora ho cominciato a guardarmi intorno e ho realizzato che anche le giornate come questa hanno un  fascino particolare. 


Le sagome degli alberi spogli che si stagliano sullo sfondo grigio del cielo, le gocce d'acqua intrappolate tra i rami scheletrici, il velluto verde del muschio creano un mondo magico, silenzioso, immobile. Un'atmosfera da favola...










Nell'attesa che il sole torni a splendere....


lunedì 21 gennaio 2013

Avanzi e ricicli

Una delle cose che con il passare del tempo ho imparato, è che in cucina gli avanzi si rilevano spesso una risorsa preziosa. Mi sconvolge sentire quanto cibo (anche in tempo di crisi!) finisca nella spazzatura, sembra incredibile se si pensa a quante persone nel mondo ancora muoiono di fame.
Consumare in modo intelligente diventa quindi una forma di rispetto verso chi è tanto più sfortunato di noi.

Organizzare la spesa in modo intelligente è sicuramente il primo passo per evitare gli sprechi, così come evitare di fare troppe scorte per poi trovarsi a consumare cibi non più freschi o peggio ancora a doverli buttare.
Capita però che a dispetto di tutte le precauzioni, ci si trovi con piccoli avanzi da riciclare, non cediamo alla tentazione di lasciarli languire in frigorifero ma utilizziamoli subito: basterà fare una piccola ricerca in internet per trovare decine di suggerimenti, oppure procurarsi uno dei tanti libri interessanti che sono stati scritti sul risparmio in cucina e sul riutilizzo degli avanzi per scoprire un mondo di ricette gustose ed economiche!

Uno dei riutilizzi più interessanti riguarda sicuramente il pane. A casa mia in realtà il pane raffermo è una delle cose più utilizzate, tanto da non meritare nemmeno l'appellativo di avanzo!
Capita infatti che ne compri qualcuno in più proprio per farlo seccare: pane grattugiato, crostini per le zuppe, pan pizza, impanatura... non si potrebbero certo preparare con il pane fresco! 
Un altro riciclo interessante è quello degli albumi, che offrono anch'essi molte possibilità di riutilizzo, a me succede che rimangano una certa quantità di albumi quando preparo per esempio la crema pasticcera, ho letto che si possono anche surgelare, ma se avete tempo vale la pena di consumarli freschi. Anche per quanto riguarda gli albumi le preparazioni sono davvero tante e tutte validissime.

Io vi propongo due ricette facili facili e veloci, con la prima ho riutilizzato il pane raffermo, con la seconda gli albumi.
La prima è una torta di pane, vi passo la ricetta così come l'ho trovata sul libro, senza le quantità degli ingredienti; regolatevi da sole, come ho fatto io, vi assicuro che non c'è pericolo di sbagliare!

Torta di pane ( da "Risparmiare in cucina" di Tessa Gelisio)


Oltre al pane raffermo servono un uovo, un poco di latte, due cucchiai di zucchero ( io uso quello di canna del Commercio Equo) e frutta a piacere. 
Disponete il pane spezzettato in una terrina, riscaldate il latte e versatelo sul pane, mescolate, aggiungete l'uovo e i due cucchiai di zucchero, infine , la frutta tagliata a piccoli pezzi.
Amalgamate tutto con un cucchiaio di legno e versate il composto in una teglia. Infornate a 180° per circa 30 minuti. La torta va servita a temperatura ambiente. 
Il risultato non è niente male!


...Scusate la pessima qualità delle fotografie... :(

Passiamo ora agli albumi con i quali ho preparato dei biscotti al cocco. Anche stavolta la ricetta originale non riporta le quantità ed anche stavolta vi suggerisco di "andare a naso", basta che il composto abbia una certa consistenza! Unica aggiunta personale, due cucchiai della grappa che ogni anno riportiamo dalla Croazia, è una grappa fatta in casa, che ci regalano il signor Luigi e sua moglie, i proprietari dell'appartamento che affittiamo per le nostre vacanze estive e siccome noi non la beviamo, la utilizzo per preparare i dolci!

 Biscottini di cocco ( "Avanzi popolo" di Letizia Nucciotti)


Albumi
zucchero 
farina di cocco
farina bianca
lievito per dolci
burro
pinoli/cioccolato fondente/uvetta a piacere
 tocco personale: 2 cucchiai di grappa


Si mescolano tre cucchiai di zucchero (anche di canna) con tre albumi, si aggiungono pian piano le farine bianca e di cocco in queste proporzioni: 2/3 farina di cocco 1/3 farina bianca mescolate a mezza bustina di lievito per dolci, prima di terminare l'inserimento della farina si aggiungono 50 g di burro fuso, mescolate bene.
Incorporate a piacere e a scelta, pezzettini di cioccolato fondente, oppure pinoli o ancora uvetta e, se vi va di provare, la grappa.
Formate poi delle palline della dimensione di una noce sistemandole, un po' distanziate tra loro, su una teglia coperta da carta forno.
Si passano nel forno già caldo a 150° controllando la cottura che risulta piuttosto rapida: una quindicina di minuti, attenzione a non bruciarli!

p.s.Mia madre prepara una torta di pane davvero buonissima ma non sono ancora riuscita a carpirle la ricetta, ogni volta che provo a farmi dire gli ingredienti temporeggia e mi dice che praticamente non ci mette nulla... prometto però che se dovesse svelare il segreto vi renderò partecipi.
Non mi rimane che salutarvi e augurarvi una buona settimana!
A presto



mercoledì 16 gennaio 2013

Riprendere a volare



Vi presento uno dei tanti piccoli ospiti (il più amato!) che popolano il mio giardino in questi mesi invernali.
Sono tantissimi davvero gli animaletti che ogni giorno vengono a rifornirsi di frutta, semi, briciole di pane e di biscotti; io poso tutto sulla cornice del camino in giardino e lascio che poi loro si avvicinino con calma, nel frattempo, prima di uscire di casa, controllo che i miei gatti dormano tranquilli sul divano: per loro questa occasione di caccia sarebbe troppo ghiotta!

Prendo spunto dai miei piccoli amici e riprendo a volare. Passato (o quasi) il periodo di crisi personale, comincio a fare piccoli progetti per l'anno nuovo, niente di impegnativo, nessuna aspettativa che aggiunga ansia alla vita di tutti i giorni, niente che gravi sulle finanze di casa, solo qualcosa che mi dia la forza e l'energia per guardare avanti aspettando con trepidazione il nuovo giorno.
Se seminare è un atto di fiducia nel futuro, ecco che un catalogo per l'acquisto di nuovi semi per il mio orto è già un progetto che mi proietta mentalmente verso la primavera, oppure cercare  vie da percorrere a piedi, in luoghi tranquilli dove la camminata diventi quasi meditazione... ecco, riprendere a pensare alle cose che mi fanno star bene, per me e per la mia famiglia.

Vi lascio non senza ringraziarvi per i commenti di incoraggiamento, in particolare per le bellissime mail che qualcuna di voi mi ha inviato: mi hanno fatto capire che davvero non siamo soli, che i momenti di crisi capitano a tutti e che alla fine poi, il sole torna a splendere... un abbraccio grandissimo, grazie.
A presto

mercoledì 9 gennaio 2013

A volte ritornano...


Eccomi qui, di nuovo davanti al computer dopo un periodo più o meno lungo di assenza, mi sento un po' come quasi fossi tornata da un lungo viaggio nonostante non mi sia mossa da casa. Confesso che stavolta la mia assenza non è stata causata né da guasti al computer e nemmeno da impegni di lavoro, niente vacanze ai tropici o serate di gala... anzi!
Le mie feste natalizie sono state decisamente tranquille, forse addirittura sottotono, eppure avevo bisogno proprio di questa tranquillità: sono arrivata al Natale stanca, demoralizzata, senza energie. 
Non so come ma nell'ultimo periodo mi sono lasciata letteralmente assorbire dagli impegni  quotidiani, la parola d'ordine di questi ultimi tre mesi è stata "devo", così progressivamente ho rinunciato proprio alle cose che mi piacciono, quelle che mi danno serenità.
Non me ne sono resa conto fino a quando mi sono svegliata l'ennesima mattina  senza la minima voglia di alzarmi e ho realizzato che nulla della giornata che mi aspettava mi sembrava allettante, naturalmente questo mi ha spaventato e mi ha fatto riflettere:perché mettere davanti sempre e solo il dovere? Non è giusto!
E così questa pausa natalizia mi è servita per fermarmi un attimo a riprendere fiato, per godere  della mia famiglia senza l'affanno degli ultimi tempi: a dire il vero avevo caricato di aspettative queste due settimane di festa collezionando ricette su ricette da sperimentare, libri da leggere, camminate da fare, decorazioni da preparare... non ho fatto nulla di tutto questo ed è stato giusto così, in fondo avevo solo bisogno di tirare i remi in barca per un po'.
Sono un po' in crisi e naturalmente questo si riflette anche nel blog, ho poca voglia di scrivere così aspetto che le ombre si dissipino e che torni il sereno.
Pian piano torno a far visita ai vostri blog; quante idee, quanti spunti e quante immagini delle feste appena trascorse! Mi auguro che il vostro Natale sia stato speciale, che sia stato come lo avete immaginato e desiderato e sopratutto... vi auguro un buonissimo anno nuovo!

A presto