giovedì 26 settembre 2013

Prime giornate d'autunno

Queste belle giornate di fine settembre sono una delizia ed io appena posso mi rifugio in giardino così ieri ho passato la mattinata a dare una ripulita all'orto e mi sono stupita della quantità di cose da fare in pochi metri quadri: non ho potuto fare a meno di pensare alla mole di lavoro che spetta a chi ha un orto "serio".
Ho tolto tutte le erbacce che avevo lasciato crescere e che in fondo mi avevano dato una mano a mantenere la terra più umida come una sorta di pacciamatura viva, poi ho eliminato definitivamente le piante di pomodoro e quelle di cetriolo disturbando un sacco di lumache e limacce che sonnecchiavano sotto il bordo dei vasi e sul loro fondo esterno. Ne ho raccolto un paio di manciate e le ho portate in "villeggiatura" in un giardino incolto e abbandonato vicinissimo a casa... tanto so che poi ritornano...
Finalmente ho raccolto un paio di zucche già belle mature lasciando le altre ancora un po' nell'orto insieme alle zucchine di Albenga che ancora non si sono stancate di produrre. Ho lasciato il tagete ad illuminare l'orto insieme ai fiori di zucca, perché molte piante hanno ormai perso la brillantezza dell'estate, le foglie delle zucche si stanno rinsecchendo e danno all'insieme un aspetto un po' desolato. 
E poi naturalmente c'è l'uva fragola matura, dolcissima e profumata, ci sto facendo tante schiacciate che appena sfornate mi riempiono la casa di un profumo irresistibile, intanto continuo a sfruttare  il pergolato come sala da pranzo, almeno finché dura e probabilmente proprio perché so che presto l'autunno ci chiederà il conto, il giardino mi sembra ancora più magico e questi pomeriggi ancora più belli.

Visto lo spazio ridotto non ho programmato semine e trapianti autunnali, solo un po' d'insalatina e di rucola in vaso e poi, anche per quest'anno, chiuderò il capitolo orto. 
Come ogni anno sento un po' di malinconia, ogni volta ho la sensazione di chiudere anche un capitolo della mia vita; riponendo gli attrezzi, portando al riparo i vasi, preparando il giardino per l'inverno sento sempre quella sensazione di smarrimento che si prova dicendo addio a qualcosa e poco importa se questo è solo in fondo un arrivederci, la primavera sembra così lontana... 







Il piacere di leggere...

Infine, prima dei saluti, posto qualche pagina di questo bellissimo libro: "Diario di campagna di una signora inglese dei primi del novecento" di Edith Holden, scoperto accogliendo il suggerimento di molte blogger, l'ho cercato e scovato in biblioteca  e mi sono persa tra le immagini stupende, le poesie e le semplici annotazioni di vita quotidiana di questa signora di campagna.

Si legge sulle prime pagine del libro: "copia del facsimile di un diario naturalistico per l'anno 1906. Edith Holden ha annotato in parole e disegni la flora e la fauna della campagna inglese attraverso il ciclo delle stagioni."



E ancora: "scoperto per caso nella biblioteca di una quieta casa di campagna inglese è il diario autentico di una giovane donna del primo Novecento interamente scritto a mano ed edito in facsimile. Rivivono nei suoi deliziosi acquerelli scene campestri, gli umori della terra, il trascorrere delle stagioni..."





 Ed eccomi alla fine di questo nuovo post, auguro a tutti un buon fine settimana, a presto!


40 commenti:

  1. meravigliose le tue zucche!!!! le adoro, sia per il colore, sia per le forme così buffe che hanno!!! un abbraccio!!!

    RispondiElimina
  2. Lolle che bel post!! Sai sarà che io amo molto l' autunno e l' inverno, anche se per me coincidono con molti impegni e stress, che apprezzo sempre il momento della fine dell'estate...il tuo orto è meraviglioso e quel libro che ci hai fatto vedere lo è altrettanto! Buon fine settimana!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Silvia, una buona domenica anche a te!

      Elimina
  3. Ciao cara,
    io adoro l'autunno, poi immagino sia bellissimo passare le giornate nel verde del tuo orto che con l'andare della stagione si trasforma prendendo i colori invernali. Bellissime le tue zucche ;)
    "Diario di campagna di una signora inglese dei primi del novecento" è un libro stupendo, una blogger che seguo posta ogni mese una pagina e devo dire che ho visto disegni stupendi accompagnati da soavi parole.
    Ti auguro un buon weekend un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una bella idea quella di postare ogni mese un pensiero tratto da questo libro...
      Ti auguro una buona domenica, a presto!

      Elimina
  4. Si con l'orto non ci si annoia mai,in cambio ci dona momenti di serenita' impagabili oltre alle delizie dell'orto .Vorrei tanto anch'io un piccolo orto! Nell'orto la magia dell'autunno coi suoi colori ci prepara al grigio dell'inverno che credo abbia pure una sua nascosta bellezza...buon fine settimana,ciao.

    RispondiElimina
  5. Iolle carissima, quanto mi è mancato il tuo piccolo orto, ma ora che ti ho ritrovata, non ti perderò più di vista. Bellissime le foto, le zuccche sono meravigliose, però hai ragione settembre mette sempre un pò di malinconia!!!! Un bacione

    Ti seguo su bloglovin

    RispondiElimina
  6. Iolle, per me passare dal tuo blog è molto rilassante, mi distende e mi fa camminare la mente, torno in dietro con gli anni a quando i miei nonni coltivavano la campagna, e quando correvo spensierata nei campi, tra spighe, papaveri, bocche di leone e piante di liquirizia......
    Giorni meravigliosi!!!!
    Bellissime le tue zucche, spesso le preparo sono buone e salutari.
    Ciao Nadia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' bello pensare che le immagini del mio piccolo angolo verde ti abbiano sollecitato questi dolci ricordi...
      A presto

      Elimina
  7. hai ragione ,le piante danno tanto lavoro ,ma sono tante anche le soddisfazioni che danno! Bellissime quelle zucche!
    baci

    RispondiElimina
  8. Sento l'odore di menta fin qui! Grazie di questo bel post : )

    RispondiElimina
  9. Per i libri già ho incaricato mia figlia a Roma di vedere alla Feltrinelli !!! Ma le schiacciate con l'uva fragola non le conosco... io faccio solo marmellata con l'aggiunta di mele...mi è piaciuto quando dici che hai portato le lumache in villeggiatura...mio marito le cerca nei tempi giusti e le cucina.... prepara una buonissima zuppa...
    ciao e a presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho postato un paio di ricette della schiacciata... se vuoi puoi dare un'occhiata nella sezione ricette, buona serata!

      Elimina
  10. Mi immedesimo molto in questo post, i lavori in giardino (un piccolo giardino come il mio) le lumache traslocate (cosa che faccio puntualmente: ma altro che 2 manciate, quest'anno sono un esercito!)
    e la raccolta degli ultimi ortaggi (da me quest'anno solo pomodori e nient'altro). Complimenti per il raccolto! Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che flagello le lumache... è tutta l'estate che faccio traslochi...

      Elimina
  11. Comprendo la tua tristezza dovuta all'imminente inverno perchè la vedo anche negli occhi del mio papà!!
    Quest'anno gli ho proposto la gestione di un piccolo orto in vaso in modo da poter trascorrere qualche ora di spensieratezza durante la lunga cattiva stagione!
    Spero funzioni!!!
    Comunque vedo che da te ci sono ancora tante cose nell'orticello, quindi in queste ultime giornate di bel tempo avrai ancora cose da sistemare!!
    Un mega bacio e buona domenica
    Carmen

    RispondiElimina
  12. ...è stata un'estate talmente serena che questo autunno mi sembra meno triste del solito...un abbraccio dalla tua follower più affezionata...

    RispondiElimina
  13. che belle zucche, è sempre magnifico il tuo orto, un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  14. Non hai idea da quanto tempo punto questo libro, l'ho anche cercato su e bay, ma ne ho trovato solo la versione inglese e per il momento non mi resta che godermi le bellissime foto che ne hai fatto; certo non demordo perchè il piacere di leggerlo poi sarà infinito.
    Anche a me l'autunno mette un po' di malinconia anche se i primi giorni sono stati molto belli. Ci ha scaldato un sole non troppo forte, la mattina e la sera ci ha regalato un po' di frescura ed anche il giardino dopo il caldo torrido di luglio e agosto era più florido, il prato di un bel verde brillante, le dalie che in estate sono seccate sugli steli si sono aperte ed anche i crocchi autunnali cominciano ad aprirsi. Spero solo che il brutto tempo degli ultimi tre giorni sia solo passeggero!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, ci sono stati giorni davvero dolcissimi, ma siamo solo agli inizi, chissà cosa ci riserverà questo autunno!

      Elimina
  15. Preparare l'orto, ripulirlo dalle erbacce e da ciò che ormai non produce più è un pò come preparare noi stessi ad affrontare la prossima stagione.. :)
    Complimenti per le sensazioni che sai trasmettere e per quelle stupende zucche..
    Leggere i tuoi post mi mette sempre di buon umore!!


    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per il commento davvero gentile, buon fine settimana!

      Elimina
  16. inizio dell'autunno è un po la fine dell'orto, sogli gli ultimi squilli chiamiamoli cosi è bello vedere i tuoi post dalla primavera all'autunno vedere come tutto cambia e i frutti che da complimenti per le zucche

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, il giardino e l'orto mi aiutano a vivere più intensamente le stagioni!

      Elimina
  17. Non essere malinconica...ogni stagione ha la sua bellezza! Nuovi frutti e nuovi colori ti scaderanno il cuore!
    Il libro deve essere interessante e i disegni meravigliosi! Che ne dici di scrivere anche tu un diario per rendere meno grigio l'inverno!? Un caldo abbraccio!

    RispondiElimina
  18. Grazie Clo, buon inizio settimana!

    RispondiElimina
  19. Questo libro lo conosco bene: era di mia madre e adesso è nella mia libreria.... immagini delicatissime, splendide poesie e tante piccole annotazioni che colgono con precisione i particolari del succedersi delle stagioni nella campagna. Lo si può leggere su "livelli" diversi" ed è sempre piacevole.
    Claudette

    p.s. l'orto della nonna ci ha tradito anche con le zucche quest'anno ....

    RispondiElimina
  20. Ciao carissima, capitavo qui per caso e mi sono soffermata a leggere il tuo post, ti confesso che avere un piccolo giardino con un orto da poter curare e coltivare è stato sempre uno dei miei desideri!! Mi piacerebbe tantissimo, ma vivendo in condominio non ne ho la possibilità. Tramite le tue foto mi sembra quasi di essere li ad osservare i frutti del tuo orticello che vedo coltivi con tantissimo amore e cura!! Mi sembra quasi di vedere l'autunno che ci saluta e ci porta in dono queste prelibatezze, non essere triste, il tempo scorre in fretta e ben presto tornerai fuori armata dei tuoi attrezzi per coltivare i tuoi prelibati frutti!!! E' bellissimo anche il libro che ci proponi, io sono una grande lettrice e questo tipo di "documento storico" mi affascina tantissimo, non lo conoscevo e credo proprio che lo cercherò anche io in libreria :) Ti abbraccio forte e mi unisco ai tuoi lettori per non perdermi la tua simpatia e il tuo carinissimo orticello...Se ti va di scambiare quattro chiacchere o di conoscerci sei la benvenuta anche da me! A presto :)
    http://ledeliziedelmulino.blogspot.it/

    RispondiElimina
  21. Invidio la tua vita all'aria aperta… Ciao

    RispondiElimina
  22. Che bello questo post, mi ha dato un senso di serenità, anche la tua velata malinconia mi piace, è tipica di questo passaggio di stagione, molto belle e piene d'amore le immagini.... e che dire dei libri.....tutto tutto bello. E' un dolce piacere passare dal tuo orto. Un abbraccio
    Emi

    RispondiElimina
  23. ce l'ho anche io quel libro, ogni tanto lo sfoglio per tuffarmi in quelle bellissime immagini...peccato che sia morta giovane, però in un certo senso ha fatto una morte romantica, visto che è caduta nel fiume, mentre cercava delle erbe...le vite tragiche e romanzesche di un altro secolo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io l'ho preso in prestito in biblioteca e me ne sono innamorata... non sapevo nulla però della tragica fine dell'autrice!

      Elimina
  24. Bellissime zucche di varie forme, un buon raccolto!
    L'autunno porta con se colori, profumi e raccolti!
    Un abbraccio e buona giornata da Beatris

    RispondiElimina
  25. Ciao Lolle! Stavo pensando che alla fine anche i nostri blog sono un po' il corrispondente moderno dei diari scritti a mano dalle signore degli inizi del '900; e mi sembra che il tuo blog sia in sintonia con quel diario, per le belle immagini e le parole lievi. A presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' vero, il blog è il nostro diario!

      Elimina