martedì 27 marzo 2012

Semine, macerati e...



Finalmente dopo giorni di assenza il nostro computer è tornato a casa, così posso smettere di elemosinare qualche manciata di minuti al computer delle mie figlie...


In questi giorni ho continuato con le semine e quindi via a pomodori di diverse varietà, zucchini classici e tondi, melanzane bianche e nere, zucche, tagete, alchechengi, insomma, mi sono fatta prendere la mano senza considerare che quando cresceranno le piantine, dovrò trovare lo spazio per tutte, per questo motivo mi tengo lontana da vivai e affini, la tentazione di acquistare buste di semi d'ogni tipo è troppo grande!


La semina è un momento magico.
Io faccio tutto senza guanti ed infatti mi ritrovo spesso con delle mani inguardabili, ma che raccontano quello che sto facendo: piene di graffi oppure arrossate, dipende dal periodo; durante la semina mi piace affondare le mani nel terriccio tiepido e morbido, riempire i vasetti, bagnare la terra e poi, con delicatezza posare il seme, un'operazione da effettuare in religioso silenzio.
E da questo momento in poi, comincia l'attesa per quello che è una specie di miracolo: la germinazione.
Io li immagino i semi, addormentati come la bella nel bosco, risvegliarsi al tocco della terra e al bacio del sole.
Adoro i semi grassocci, come quelli della zucca, con quelli puoi osservare per bene come il seme si spacca e muore per dare vita ad una pianta che, con forza, si protende verso la luce.


I semi più grandi andrebbero messi in ammollo per accelerare la germinazione, ma io me ne dimentico sempre!


Da qualche giorno la mia dipendenza da orto si è fatta risentire, anche ora, mentre scrivo, il mio sguardo è incollato alla finestra, penso, programmo e sopratutto sogno! ( Ed infatti devo continuamente correggere gli errori del testo!)


Ma naturalmente non si vive di sole semine ed approfittando di una passeggiata con le mie figlie, ho raccolto il tarassaco per il primo macerato della stagione: si raccolgono foglie e fiori e si lasciano macerare per quindici giorni circa in acqua piovana, (ricordatevi di raccoglierla anche per le innaffiature!) il recipiente non deve essere in metallo io mi arrangio con un classico secchio in plastica, da imbianchino. 
Lo mescolo regolarmente ed ogni volta ripenso ad una filastrocca che recitavano le mie figlie quando erano piccole: "Gira, gira il mestolo tira su il coperchio, fuoco, fuoco notte e dì, le streghe fan così..." le piccole streghette si inseguivano intorno alla tavola in una specie di danza indiavolata!
Per onor di cronaca, devo avvisare che, dopo qualche giorno, l'odore che il macerato emana non è dei più gradevoli,  se non ricordo male il più micidiale è quello all'ortica, a cui andrebbe aggiunta della cenere... e magari dello Chanel n. 5! Ma si sa, la strada dell'orticoltore non è tutta rose e fiori!!!

Il macerato, una volta pronto, si utilizza diluito, come regolatore della crescita e per migliorare la qualità dei frutti, ho scritto qualcosa  a proposito dei macerati proprio qui.

Infine, ma non per ordine di importanza, devo ringraziare la cara Sara, del bel blog, "http://reveblanc-sara.blogspot.it/ che ha voluto premiato il mio blog, come mia abitudine per non far torto a nessuno non ritiro e non giro il premio, ma la ringrazio moltissimo!


Per finire, vi lascio con questa ricetta trovata nel blog della cara Elena:"http://elly-chezentity.blogspot.it", ideale se volete provare un pesto un po' diverso dal solito...la mia rucola ha cominciato a produrre  ed io ho voluto onorarla così:



Pesto di rucola

Un mazzetto di rucola
mandorle spellate
pecorino romano 
parmigiano reggiano
olio extravergine di oliva
sale

Naturalmente si mette tutto nel mixer e via!


A presto

31 commenti:

  1. "le streghe fan così" esiste ancora: la cantavano le ducatrici del nido della Pulce fino a due anni fa.
    Quanto ai macerati io non ho esperienza (ma mia suocera fa una "broda" di letame e acqua per rinvigorire le piantine), mentre ho più dimestichezza con il pesto di rucola nel quale io metto anche qualche pomodorino e - a volte - sostituisco le mandorle con le noci. A presto e buon lavoro nell'orto!
    Claudette

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Proverò anche la tua ricetta!!!

      Elimina
    2. Ma quanti semi diversi hai comprato??? :) ihihihih fai benissimo...lasciati tentare....che non c'è tentazione più bella! E' davvero bello leggere quello che scrivi e vedere la passione che ci metti! Ottimo il pesto di rucola! :) Adesso vado a vedere quello di Elena...è molto brava! Tutte le sue ricette che provo sono un successone! :) Notte!

      Elimina
    3. :) lo avevo immaginato!!! Brava! Notte!

      Elimina
  2. la fase della germinazione è pura magia. Ricordo ancora quando frequentavo le elementari e la maestra ci aveva fatto prepara il cotone imbevuto d'acqua dove avevamo adagiato semi di lenticchie e di grano. Vedere le varie fasi di crescita delle piantine, per noi bambini era fonte di sorpresa e di gioia, tanto che io l'ho rifatto per diversi anni a casa con l'aiuto della mia mamma . E ora che ci penso lo rifarò per i miei due piccoli....
    un abbraccio e spero di vedere presto i frutti del tuo lavoro
    Erica

    RispondiElimina
  3. Io lo faccio sempre con il cotone hihihi... ed anche quest'anno ho fatto così!!!
    Zucche zucchine, pomodori e meloni fatti con i semi dei frutti dello scorso anno perchè è vero quando si entra in un vivaio tra fiori, frutti e verdure è impossibile resistere!

    RispondiElimina
  4. grazie sempre per i post interessantissimi che posti

    RispondiElimina
  5. Che bello Lolle! Mentre leggevo la descrizione della semina, mi sembrava di essere li con te,a posare i semi nella terra bagnata! Sarà bello vedere, la nascita di nuove piante!
    Io nel pesto con la rucola metto i classici pinoli, che adoro! Un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io adoro i pinoli, quindi la prossima volta ci metto anche quelli!
      Ciao

      Elimina
  6. Anche io quest'anno ci riprovo con l'orto, e invece che farlo in vaso sul balcone mi sono ritagliata un angoletto di giardino.
    Per ora ho i semi nei vasi sul balcone ma appena le piantine saranno abbastanza grandi e robuste le trasferirò in giardino: non vedo l'ora!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In bocca al lupo allora, anch'io sfrutto ogni angolo possibile!

      Elimina
  7. Ciao Lolle!! Anche io in giardino e nell'orto faccio tutto senza guanti e... alla sera sono in condizioni pietose: secche e arrossate, per non parlare delle unghie. Ma i guanti mi impicciano, ed è così bello sentire la terra fresca... non fosse per i vermi. Un saluto!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I lombrichi ci garantiscono un terreno fertile, quindi... w i vermi!
      A presto!

      Elimina
  8. Eccomi qua, lollina cara!!! Qualche giorno fa mi hai chiesto come andava con il mio orto... adesso ti racconto!Zero assoluto!!! Ho lavorato sabato e domenica per un catering... bella esperienza, ma da sola è stata dura. In ufficio ho più lavoro che mai e la sera prima delle sette non riesco a rientrare a casa... Stasera però, alle sette meno un quarto mi sono fermata alla cooperativa agricola... beh io cercavo i famosi semi delle zucchine tromboncino di Albenga (che non aveva)... e non ho resistito... Ho comprato piantine di pomodoro ciliegino, pomodoro pachino, pomodoro a grappolo, zucchine, fagiolini e friggitelli! Ecco, così domenica non ho scuse e devo piantarle. Per i semi (che ne sono piena...) ho pensato di seminarli alla metà, fine di aprile, poi il mese dopo e quello dopo ancora, in modo da avere alla fine di un raccolto, l'inizio dell'altro! E così anche io, rigorosamente senza guanti, e con le mani che non si potranno guardare e che dovrò spazzolare a lungo per togliere tutta la terra tra le unghie... tenterò di rimettere in piedi qualcosa. Un giorno di questi posterò qualche foto dello scorso anno...
    Ho visto che hai fatto il pesto. Hai sentito quanto è buono? Immagino con la tua rughetta, appena colta, che profumo ne è uscito fuori!!! E speriamo che questo periodo di super lavoro diminuisca... perché sto alla frutta!!!! (te ne sarai anche accorta dalla mia piccola latitanza...) Un abbraccio. ele

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buono Elly, buono!!!
      Per l'orto c'è tempo, non preoccuparti... intanto resisti, che la settimana è quasi finita!
      Ciao

      Elimina
  9. Anchio ho iniziato a seminare l'orto!!buon fine settimana....ciao

    RispondiElimina
  10. anche per me le semine sono un momento magico e mi preparo bene durante l'inverno andando a caccia di cataloghi e sementi ed imparandoli quasi a memoria, buon orto allora, ciao Marina

    RispondiElimina
  11. Io non ho l'orto, lo aveva il mio papà ma è sempre bello leggere queste cose tanto interessanti.
    Baci
    Emi

    RispondiElimina
  12. Ciao Lolle ti auguro una buona domenica delle palme!

    RispondiElimina
  13. Ciao, ti invito al mio giveaway potresti vincere i prodotti di ITALMAMI, che offre ben 3 premi a scelta al fortunato vincitore, scade il 12/04/2012
    http://lacreativitadianna.blogspot.it/2012/03/6-giveaway-vinci-i-prodotti-di-italmami.html
    Ti aspettiamo Ciao e a presto^_^

    RispondiElimina
  14. oggi volevo sistemare il giardino, ma la giornata non mi aiuta :( C'è davvero brutto tempo, purtroppo dovrò rimandare!

    RispondiElimina
  15. Che bel blog!...e che bei mici! :)
    Ti seguo molto volentieri! ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara, domani passo da te!!!

      Elimina
  16. Ciao, sono molto contenta che la mia ricetta ti abbia dato la possibilità, con ottimo risultato, di utilizzare gli albumi che avevi messo in parte!!!
    Io proverò invece il tuo pesto di rucola che deve essere buonissimo!!!
    Grande fatica ma grandissima soddisfazione coltivare il proprio orto, una fortuna non da tutti!!!
    Baci e buona settimana

    RispondiElimina