lunedì 27 febbraio 2012

Serata con Mauro Corona

Un bel fine settimana questo, temperature primaverili, un cielo meravigliosamente limpido e poi una luna birichina...
Un fine settimana anche denso di impegni che non mi hanno impedito però di passare momenti piacevoli.
Nonostante fossimo tutte e due molto stanche, sabato sera io e Nadia, una delle mie sorelle,  abbiamo assistito all'incontro, organizzato dal circuito delle biblioteche e dalla sezione del CAI locale, con Mauro Corona.
Corona è arrivato puntualissimo, in una sala gremita di gente: appassionati di alpinismo e lettori affezionati.
Ho letto quasi tutti i suoi libri e mi sembrava una bella occasione quella di poter conoscere da vicino questo scrittore.
La serata è stata molto piacevole e Mauro si è raccontato un po' come fa nei suoi libri, parlando della propria infanzia segnata dalla tragedia del Vajont e da tragedie personali: dall'abbandono della madre, alle violenze subite dal padre e lo ha fatto con una sincerità incredibile, ma ci ha parlato anche delle proprio passioni: quella per la montagna, per la scultura e sopratutto per la scrittura che è stata  ancora di salvezza e riscatto dagli anni difficili.
Ci ha parlato degli amici, che chi ha letto i suoi libri conosce bene, della famiglia e del difficile rapporto con l'alcol, tutto così, come con una chiacchierata tra amici, con umorismo e semplicità, accompagnandosi con citazioni dei suoi autori preferiti e con aneddoti personali.
Una serata veramente piacevole, due ore volate via, e ne ho approfittato per farmi autografare il suo ultimo libro: "Come un sasso nella corrente".


Orietta sono io, naturalmente!

Ieri pomeriggio invece ho visitato una mostra fotografica molto interessante.
Le immagini vengono dall'archivio fotografico ricchissimo di un sacerdote della mia cittadina, uomo colto e appassionato di fotografia, alla sua morte ha lasciato in eredità centinaia di immagini che ci permettono di gettare uno sguardo sul passato, sono trent'anni di storia della città, dagli anni '50 agli anni '70, uno sguardo su come eravamo che ci fa inevitabilmente riflettere su ciò che siamo diventati.
Penso anche a tutte le persone ritratte, chissà quanti di loro sono ancora qui, chissà  se chi si è riconosciuto, ha inevitabilmente pensato a come il tempo scolpisce i nostri volti, come ci cambia...
Questo mi fa riflettere anche sullo scorrere del tempo, la vita è davvero un soffio... penso anche a me stessa: tra qualche settimana compirò 45 anni, mi capita spesso di ripetere alle mie figlie quando non si sbrigano: "Ragazze, non fatemi perdere tempo...non posso aspettare una vita, ne ho già consumato più della metà!" è una battuta però...però è anche un esame di coscienza personale: quanto tempo perdo per le cose senza importanza?  E cosa voglio fare ancora del mio tempo? E ci sarebbero ancora molte altre domande... ma mi fermo qui, sono riflessioni un po' pesanti per un lunedì mattina, vero??

A presto

16 commenti:

  1. Un weekend davvero impegnativo.
    Hai ragione quanto tempo perdiamo per cose futili e inutili...e lo sprechiamo.
    E' giusto ogni tanto fermarsi a riflettere.
    Un grosso abbraccio
    Mari

    RispondiElimina
  2. il tempo che passa, veloce, troppo veloce, e noi sempre a correre per cose a volte superflue, superficiali, materiali trascurando quelle più vere e significative!!!!... tocchi un tasto che mi sta molto a cuore negl ultimi tempi, infatti ti avevo scritto un poema di commento che ho preferito cancellare perchè ero andata troppo nel personale. Magari ne parliamo in privato... ^_^
    ciao e buona settimana
    Erica

    RispondiElimina
  3. Che meraviglia, un week end impegnativo, ma decisamente entusiasmante.
    Mauro Corona è un personaggio che a volte fa ridere, altre piangere, ma emoziona sempre.
    Vero il tempo passa in un baleno sembra ieri che me ne stavo all'oratorio a giocare con le amichette eppure... ne sono passati di anni.

    RispondiElimina
  4. Che belle riflessioni..io mi fermo spesso a pensare al tempo che è andato e che va..e forse è meglio pensare ad oggi,a quello che voglio o non voglio essere!!Mauro Corona un gran personaggio,che bel weekend..Ciao Sara

    RispondiElimina
  5. Hai colto nel segno,Lolle....
    Buona settimana.
    Claudette

    RispondiElimina
  6. complimenti un post fantastico

    RispondiElimina
  7. Che bella serata! Non ho ancora letto niente di Mauro Corona ma spero di farlo presto!
    Ciao.

    RispondiElimina
  8. Mauro Corona, lo ascolto molto volentieri in un programma di radio due. E' una persona fantastica che non ha paura di dire quello che pensa. Conosco il suo amore per la montagna e per la scrittura ma non ho mai letto un suo libro. Cercherò di rimediare presto e ti saprò dire! Grazie!
    Complimenti per il tuo blog e per il meraviglioso orto. Un bacio a te e alle streghette!

    RispondiElimina
  9. Ciao bella ti rispondo per la farina "Rosignoli" potresti mandare una lettera di collaborazione all'azienda come ho fatto io così avresti la possibilità di provarla...oppure se proprio vuoi fare i cornetti fai 50% di comune 00 e 50 Manitoba..un super kisss

    RispondiElimina
  10. bel post!!se passi da me cè una piccola sorpresa...ciaoo

    RispondiElimina
  11. Piacciono tanto anche a me gli incontri con gli scrittori e li seguo spesso. Belle le tue parole e le tue considerazioni
    Baci
    Emi

    RispondiElimina
  12. Hai passato davvero un piacevole fine settimana. Non capita tutti i giorni di scambiare due chiacchiere come tra vecchi amici con uno dei propri scrittori preferiti. Non conosco Mauro Corona, ma credo mi piacerebbe leggere uno dei suoi libri. E poi, cara Orietta, ho scoperto che sei una vecchietta!!! Quasi 45 anni! Pensa tu! Riconsolati!! Quest'anno per me saranno 53 e mi sembra ieri aver fatto 30 anni! Sarà che non mi decido ancora a crescere!!! Ti mando un abbraccio. E' sempre un piacere scambiare due chiacchiere con te! Mi raccomando... nell'amatriciana metti il guanciale! Baci

    RispondiElimina
  13. Complimenti per il tuo interessante fine settimana. Non ho letto niente di Corona ma potrei farlo quanto prima.In quanto alla tua domanda credo che si tratti di una riflessione di fondo che facciamo in molti e a cui è difficile dare una risposta. Penso non esista un modo che valga per tutti e che ognuno debba trovare la propria strada, circa l'impiego del tempo, per non avere l'impressione di averlo gettato via. In fondo la vita è fatta davvero di pochi annetti ma lo si capisce solo andando avanti nel tempo. Quando si è giovani non si sa di avere un tesoro che va ad esaurimento e ci si sente eterni e immortali. Un abbraccio.

    RispondiElimina
  14. Passei para uma visitinha... amei seu blog.
    Bom fim de semana!
    Beijinhos.
    Brasil.
    ♥ •˚。
    °° 。♥。
    ●/ ♥•˚。˚
    /❤
    / \ 。˚。♥

    RispondiElimina
  15. Ho scoperto ora il tuo bellissimo blog,
    ne sono rimasta incantata,
    quanti bei post,
    ora vado a curiosare un pò in giro.
    Mauro Corona è spesso nel mio paese ospite a varie manifestazioni, è sempre un piacere ascoltarlo.
    Buona domenica.
    Angela

    RispondiElimina
  16. che bellissimo fine settimana!! Mi hai proprio incuriosito, devo leggere anche io qualcosa di lui!

    RispondiElimina