mercoledì 22 febbraio 2012

Fine inverno

L'altro ieri ci siamo svegliati sotto un'abbondante pioggia che credo abbia cancellato anche gli ultimi rimasugli di neve nascosti al sole.
Non pioveva da così tanto tempo che quasi non ricordavo come fosse piacevole stare sotto le coperte ascoltando il ticchettio della pioggia.
E questa pioggia è arrivata proprio a puntino per le semine dei giorni scorsi: eh sì, si ricomincia a zappettare la terra!


Ho voluto approfittare delle temperature più miti per poter seminare spinaci e valerianella e poi ho piantato anche l'aglio, avrei voluto pianificare meglio questi lavori per sfruttare al massimo il poco spazio disponibile, ma a volte dobbiamo mediare fra tempo libero (sempre molto poco!) ed impegni familiari e lavorativi (sempre troppi!) così ho colto l'attimo e... la luna calante!


Quest'anno mi sono regalata un bel calendario lunare delle semine e dei lavori, così non dimentico cosa e quando seminare.


"Gobba a ponente luna crescente, gobba a levante luna calante", la filastrocca che mi ripeto quando cerco di capire che luna è...
Ed ecco qualche indicazione per "l'uso" della luna: in generale nella fase di luna crescente si effettuano una buona parte delle semine, l'influenza della luna sui succhi vegetali viene sfruttata per una rapida crescita delle primizie, dei rampicanti o delle piante a crescita lenta.
Per le lattughe si consiglia invece la luna calante, perché se la semina avviene in luna crescente il cespo tende ad andare velocemente a seme a scapito della compattezza del cuore e della tenerezza delle foglie. Questo vale anche per le cipolle, la luna influisce sulla circolazione della linfa vegetale verso il basso a vantaggio del sapore dei bulbi.


Eclissi lunare gennaio 2011
L'influenza della luna sulle piante da frutto sembra manifestarsi invece sulla fruttificazione, il pesco ad esempio,     sembra essere sensibile ai raggi lunari che influiscono sulle caratteristiche della buccia e sulla fragranza della polpa dei suoi frutti.
In fase calante va eseguita la potatura degli alberi da frutto, sopratutto se vigorosi, perché in questo periodo la linfa circola più lentamente al loro interno. (Dal "Calendario Lunare" Giunti Demetra)
Se vi interessa, avevo già scritto qualcosa a proposito della luna lo scorso anno, in questo post.

Quindi, dicevo, ho dato il via alle semine, poi, ho coperto i semi appena interrati, con del "tessuto non tessuto" che avevo usato prima della semina per "scaldare" un poco la terra, adesso riposano sotto la loro coperta, nella terra, in attesa di schiudersi.
Ora comincia l'attesa.

15 commenti:

  1. Beataaa hai già messo le mani nella terra!!Già sai quanto mi prudono le mani,quindi non posso non inviarti.Grazie per le info lunari.Baci
    Erica

    RispondiElimina
  2. Belle queste informazioni sulle semina e le fasi lunari, mi ricordano mio nonno prima e mio papà poi, quando anche loro avevano un piccolo orto
    Baci
    Emi

    RispondiElimina
  3. interessanti le tue informazioni sulle fasi lunari e sulle semine!
    abbracci

    RispondiElimina
  4. Hai gia seminato??Qui se tutto va bene si inizia a maggio-giugno,percio è ancora lunga..dovro' ricordarmi di venire a vedere le tue informazioni sulle fasi lunari!Ciao Sara

    RispondiElimina
  5. Hai già iniziato? Sei un mito!!! Grazie per i consigli...Io di solito seguo la mia di luna....È bellissima la foto dell' header !!!!

    RispondiElimina
  6. Quante informazioni utili, sai che noi abbiamo mangiato l'insalata dell'orto tutto inverno, l'abbiamo coperta perchè naturalmente con le gelate delle scorse settimane sarebbe stato impossibile altrimenti, ma scoprendola in queste giornate di sole e ricoprendola la sera è ancora buonissima.
    Noi abbiamo cominciato a fare pulizia, per la semina aspetteremo ancora un po' più che altro per via del poco tempo a disposizione.

    RispondiElimina
  7. Ahhhh!!! Tu hai già cominciato!!!! Io aspetto ancora un po'. Devo innanzi tutto trovare il tempo per rigirare tutta la terra, ripulirla bene bene. Poi generalmente metto i semini nella miniserra con i dischetti di torba. Poi dovrò bonificare per via delle lumache... Ho un prodotto non nocivo per gli altri animali. Quando degrada funziona da concime ma ho dovuto ordinarlo via internet perché non lo vendono, e io il veleno non lo voglio!! Mi spiace per le lumache ci rimettono solo loro. L'anno scorso uscivo tutte le sere in giardino, ne toglievo dalle trenta alle cinquanta al giorno. Ma erano più veloci di me. Mi hanno mangiato tutte le prime zucchine, basilico, fagiolini, melanzane, tutto! ecc ecc. Stavo rinunciando...
    Comunque non vedo l'ora di ricominciare a trafficare in giardino!!! Sapessi quanto mi distende tornare a casa e potermi dedicare almeno un'ora al mio orticello. Le lune le seguo pure io... baci.

    RispondiElimina
  8. L'orto di mia suocera, dopo che è stata raccolta l'ultima verza, è ancora deserto, ma qui dopo la poca neve e il gelo, la pioggia non è ancora arrivata. Speriamo comunque che l'orto sia rigogioso anche quets'anno.
    Claudette

    RispondiElimina
  9. Certo che magia! L'orto richiede tanta fatica, ma sa ripagarti in moltissimi modi. Dove vivo io non mi è permesso avere un orto: sono in un condominio con 8 mq di balcone. Al massimo qualche pianta. Però mi piace pensare che fra un pochino riprenderò qualche albero da frutto in vaso e la mimosa.

    RispondiElimina
  10. So cosa significa fare l'orto...l'anno scorso abbiamo zappato tantissimo, era la nostra prima volta e non ha dato grandi frutti, ma abbiamo fatto un esperienza nuova. La luna hai ragione influenza non solo le piante ma anche tante cose come la crescita dei capelli, delle unghie etc. Qst estate non potrò fare l'orto perchè cambio casa ma potrò sicuramente avere qualche pianta aromatica sul mio balconcino. Buon fine settimana.

    RispondiElimina
  11. sai che hai proprio ragione...ci vorrebbe proprio un calendario come il tuo...così non ci si dimentica niente!!

    RispondiElimina
  12. Si belllissimo...hai ragione! la mia mamma fa l'orto praticamente da sempre :) ti seguo volentieri...a presto.anna.

    RispondiElimina
  13. Come invidio il fatto di sentire così tanto le stagioni che cambiano! in città ne abbiamo davvero solo dei vaghi accenni, mentre chi abita a contatto con la natura lo sente davvero...mi piacerebbe avere un orticello o anche un giardinetto tutto mio, invece mi devo accontentare delle cassette sui davanzali :(

    RispondiElimina
  14. :) Ciao cara! Buon fine settimana!

    RispondiElimina