giovedì 25 agosto 2011

Nocciole; è già tempo di raccolta (e di crema alle nocciole!)



Caldo intenso, pomeriggi afosi, umidità e zanzare; sembra che l'estate ci sia piombata addosso all'improvviso e ci abbia colti impreparati, soprattutto dopo un luglio abbastanza sottotono...eppure, la natura ci manda inequivocabili segnali, le giornate si vanno via via accorciando e alcuni frutti che ci ricordano l'avvicinarsi della fine dell'estate stanno ormai maturando.
E' il caso delle nocciole, che ho cominciato a raccogliere in questi giorni, armata di cesta e di pazienza...


Con le nocciole si può realizzare in casa una squisita crema alle nocciole da spalmare sul pane per la merenda o la colazione, da utilizzare anche come farcitura per torte e crostate, naturalmente visti gli ingredienti va consumata in dosi "intelligenti".


Crema alle nocciole e cacao
Ingredienti
100 g di nocciole tostate e prive di pellicina
100 g  di cioccolato fondente
100 g di zucchero
 50 g di burro 
100 g di latte.

Frullate insieme le nocciole, lo zucchero e il cioccolato tagliato in piccoli pezzi.
Cuocete a bagnomaria aggiungendo il latte e il burro e facendo attenzione che il composto non arrivi a ebollizione.
Quando si è formata una bella crema (10 minuti circa), toglietela dal fuoco e rovesciatela in vasetti puliti e sterilizzati.
La crema si conserva in frigo per una settimana circa.




e se tra i noccioli si trovano anche mele e pere il bottino è assicurato!



venerdì 19 agosto 2011

Un giardino in Liguria


Una giornata in fuga verso la  Liguria, per assaporare il mare ancora una volta prima della fine dell'estate e per sfuggire alla calura di questi giorni...
Un saluto a mia cugina in vacanza nella sua bella casa al mare ed ecco qualche immagine rubata al suo bel giardino...








e qualche immagine della sua collezione di piante grasse in miniatura...









A presto!


sabato 13 agosto 2011

Vita all'aria aperta!

I temporali dei giorni scorsi hanno lasciato il posto a limpide giornate estive, i pomeriggi sono caldi e assolati, siamo a ferragosto ormai, l'estate è al culmine, intanto, godo di questi bei pomeriggi estivi, continuo a raccogliere  pomodori, a preparare sughi, pesto, melanzane sottolio, insomma, metto da parte piccole scorte per l'inverno.




Ripensando alle buie giornate invernali, passiamo all'aperto più tempo possibile , tanto da aver ricreato all'esterno una sorta di stanza in più, cercando di rendere il tutto il più accogliente possibile.
Ogni anno mi riprometto di acquistare un nuovo tavolo per l'esterno, in materiale naturale, evitando la plastica, adoro  i complementi d'arredo per l'esterno, le candele e lanterne, i cuscini, i mobili, i tessuti...poi come al solito faccio i conti con il conto in banca e finisco col riciclare quello che ho a portata di mano!











Nell'orto mantengo un po' d'ordine, lego i pomodori ai sostegni, che evidentemente ho acquistato troppo corti, tanto da aver dovuto provvedere a prolungarli, ho eliminato un paio di piante di zucchini e li ho sostituiti con altri appena piantati...tengo d'occhio le zucche e comincio ad assaggiare l'uva.






Per uno spuntino o per la colazione  invece, ho provato la ricetta della torta di ricotta di Letizia Nucciotti, contenuta nell'utilissimo libro "Avanzi Popolo"di cui ho già parlato nel post "il piacere di leggere".
Rispetto alla ricetta originale, ho voluto ottenere una ciambella non troppo dolce, quindi ho sostituito il bicchiere e mezzo di zucchero, con un cucchiaio e mezzo di fruttosio.

 Torta di ricotta

Ingredienti: 3 uova intere
1 bicchiere e mezzo di zucchero io ho usato un cucchiaio e mezzo di fruttosio
1 bicchiere di ricotta
1/2 bicchiere di olio di semi di girasole
1 bustina di lievito
la scorza di mezzo limone
Per la farina, la quantità non era specificata, io ne ho messa circa tre bicchieri

Per la farcia:
latte
yogurt bianco e marmellata ai mirtilli

Amalgamare bene le uova con lo zucchero.
Aggiungere la ricotta finemente schiacciata con la forchetta, incorporare con cura.
Poco alla volta aggiungere la farina già mescolata con la bustina di lievito e la scorza di limone.
Mescolare con energia aggiungendo anche l'olio.
Passare l'impasto nella tortiera, io ho utilizzato uno stampo per ciambella, emettere subito in forno a 180° per 35-40 minuti.
Prima di sfornare la torta, bucarla in più punti con uno spiedino di legno per accertarsi che sia ben cotta.


Lasciarla raffreddare, quindi tagliarla a metà, togliere la parte superiore e inzuppare le due parti con poco latte.
Spalmare lo strato inferiore con lo yogurt mescolato alla marmellata e rimettere a posto la parte superiore.
La ciambella è pronta!

martedì 9 agosto 2011

Temporali d'agosto...

Non si può dire che agosto sia iniziato all'insegna del bel tempo...





ma dopo la pioggia...





sabato 6 agosto 2011

Piccoli recuperi: dal giardino al salotto (e al bagno)


Questi vecchi porta vaso, li ho scovati nel giardino di mia madre, dimenticati tra le aiuole da alcuni anni ormai, erano completamente arrugginiti.
Eppure, osservandoli meglio, ho deciso che meritavano una seconda possibilità, così, dopo averli chiesti a mia madre, che se ne è liberata senza rimpianti, li ho caricati in macchina e me li sono portati a casa.
Tolta la ruggine e steso il colore (grazie Max, bel lavoro!) ecco il risultato.
E siccome di tempo in giardino ne hanno passato parecchio, ho pensato di cambiar loro destinazione...ed ecco un elegante porta candela (devo acquistare una candela più grande!), per un romantico bagno rilassante e un porta vaso che mi riempie giusto un angolo spoglio.




 Mi piacciono molto gli oggetti shabby, ma non conoscendo la tecnica, ho  temuto di combinare un pasticcio, 
così ho mantenuto questo color grigio omogeneo che non mi convince del tutto, troppo scuro?

venerdì 5 agosto 2011

Un piccolo angolo nel verde


Un orto -giardino , è un luogo dell'anima, un'oasi verde, dove piccole sculture sbiancate dal sole, riposano tra ciuffi di timo profumato, dove zucche magiche sonnecchiano  in attesa di fate e una tovaglia ricamata tanto, tanto  tempo fa,  accoglie gustosi frutti della terra, cibi semplici e genuini come l'uva che matura al sole.
Un orto-giardino è un luogo dove bastano una comoda poltrona e un libro  per perdersi  in fantastiche avventure...


















...e dove vivono tenere creature pelose!